Green Constrictor: la mousse per l’e-biking

E’ con grande orgoglio, che con questo articolo vi presento Green Constrictor, ovvero la mousse dedicata alla e-bike, nata per porre rimedio a molti dei problemi collegati al riding con tali biciclette.

Ma è solo per e-bike? No, non proprio, ma…approfondirò oltre.

Il mio orgoglio, nasce dal fatto riaver collaborato nello sviluppo di questo prodotto, così come è capitato per il Red Poison, accanto ad una azienda nostrana (bresciana), che vanta esperienza e know how ventennale in fatto di mousse.

Ciò premesso, Green Constrictor è stato sviluppato con obbiettivi ben precisi:

  • evitare forature o pizzicare durante il riding;
  • migliorare il rotolamento;
  • migliorare la tenuta in curva, soprattutto di gomme dalle sezioni generose;
  • aumentare il piacere di guida, rendendolo più smooth;
  • contenere il peso;
  • conferire alla ruota di una Mtb i benefici di una mousse, una vera mousse intendo…impresa non facile!!!!
  • realizzare un prodotto di lunga durata.

Questi gli obbiettivi; il punto di partenza è stato il know how di Technomousse e il materiale realizzativo, una miscela la cui ricetta è custodita gelosamente. In mezzo a tutto ciò decine di test e prototipi per arrivare a realizzare quello che a mio parere è un must have per chi vuole una guida senza pensieri e soprattutto divertente e sicura.

COME E’ FATTO 

Il punto di partenza sono state le “famose” mousse prodotte da Technomousse nel lontano 2008, vere e proprie articoli da moto rimpiccioliti per la bicicletta. Da esse e dai benefici che conferiscono, si è partiti, cercando di ridurre il peso e di rendere le operazioni di montaggio e smontaggio “user friendly”.

Come fare? Si è pensato che l’unico modo per rendere effettive le caratteristiche di una mousse, riducendo il peso e facilitando il montaggio, fosse quello di svuotarla dell’interno facendo in modo che la camera d’aria fungesse solo esclusivamente da sostegno.

Risultato: un prodotto a prova di bomba, una parete di ben 12 mm di spessore realizzata in materiale a cellule chiuse, sorretta da una comune camera d’aria e non da meno, un peso di soli 300 grammi, non leggerissimo, ma accettabile per una e-bike, soprattutto se aldilà di tale aspetto migliora a tutto tondo il comportamento del mezzo.

Gree Constrictor è questo.

Come detto in premessa, l’utilizzo di tale sistema è migliorativo della guida, soprattutto di quella con e-bike.

Considerando il peso di tali bici e le sezioni delle coperture usate, insieme a Technomousse abbiamo cercato di realizzare un prodotto i cui benefici fossero tangibili a chiunque ed alla prima raidata.

GC infatti permette di avere tra le mani un mezzo più intuitivo nella guida e più performante.

In che modo?

La mousse conferisce alle gomme, anche di sezioni importanti, una eccezionale stabilità verticale e laterale ed inoltre da sostegno nella fase della pedalata, anche a pressioni molto basse.

Inoltre il materiale con cui è realizzato GC è dotato di “memoria”, per cui le caratteristiche iniziali vengono mantenute inalterate non corso del tempo, a differenza di molti sistemi, non si usura, non ha una “data di scadenza”.

In più altro importante aspetto è la funzione antiforatura. GC è una potente barriera conto le forature dovute a spine, aghi, rami e quant’altro possa trovarsi su un sentiero. Detta caratteristica risponde ad una acclarata esigenza di chi guida con gomme dalle sezioni generose o monta cerchi con larghezza superiore ai 30 mm. Sappiamo bene che con tali setup, porre rimedio ad una foratura nel bel mezzo di una uscita può rivelarsi una vera e propria fatica ulteriore, a partire dallo smontaggio della caoprtura!!!!

 

COME FUNZIONA

Il montaggio è molto semplice e può essere tranquillamente fatto senza l’utilizzo di particolari attrezzi.

Si prende GC, lo si inserisce all’interno della copertura già installata per metà sul cerchio, successivamente si inserisce una camera d’aria standard rigorosamente priva d’aria (da 27,5″ o da 29″ a seconda), si installa l’altra spalla della copertura.

Let’s Go!!!

GC è stato ideato per dare la sensazione e godere dei benefici di girare come con i sistemi tubeless.

Per questo motivo e considerato che la camera d’aria funge solo da sostegno al sistema, consiglio vivamente di utilizzare pressioni comprese tra i 0,7 e i 0,8 bar, equivalenti a 1,5/1,6 di una copertura tubeless. Se invece si vuole una ruota con un sostegno maggiore si può arrivare ad utilizzare una pressione di 1,0/1,2 bar, non di più, per evitare un eccessivo schiacciamento del sistema e di conseguenza una minore fruibilità delle prestazioni.

Una volta installato GC, i benefici si percepiscono immediatamente.

In particolare si apprezza una maggiore tenuta in curva con la pressoché eliminzione dell’effetto deriva della copertura; un rotolamento migliore; un’eccezionale assorbimento degli urti e smorzamento del rimbalzo…aspetti che nel loro insieme rendono la guida più giocosa e di certo portano un pò più in là i propri limiti…il tutto senza il pensiero di bucare o pizzicare.

GC infatti avvolge l’intera copertura e la parte bassa del sistema si inserisce tra il cerchietto di essa ed il bordo del cerchio, ciò si traduce in stabilità e pressoché assenza di pizzicature.

Infine, la struttura di GC permette di salvaguardare il cerchio e di riuscire a rincasare anche a copertura senza pressione o lacerata, ipotesi tesata diverse volte nel corso del suo sviluppo.

Essendo realizzato con un materiale a cellule chiuse, impermeabili a qualsiasi liquido antiforatura, GC può esser utilizzato anche in modalità tubeless, senza una camera d’aria a suo sostegno. In tale caso assume una funzione di “salsicciotto”, tuttavia, tale utilizzo ne sminuisce i benefici.

 

CONCLUSIONI

CG non è un salsicciotto, non è un salvacerchio, non è un sistema misto tra i due. CG è una mousse di derivazione motociclistica pensata per l’e-bike, o meglio, soprattutto per l’e-bike.

Ciò non toglie che si possa usare anche per impieghi gravosi come il dh (non race): se si accetta il compromesso del peso (300 gr.) di sicuro si potrà trascorrere una settimana a Potes Du Soleil senza pensare ad eventuali forature/pizzicature e godendone tutti i benefici. Di recente un amico (Davide Armanti…che saluto) ha utilizzato il sistema per affrontare la famosa urban dh Mad Of Lake, rimanendone entusiasta e…tuttora lo usa sulla sua enduro.

Considerato gli aspetti migliorativi in termini di sicurezza conferiti alle coperture, l’abbinamento migliore in relazione al peso risulta quello con gomme e camere leggere (nell’ottica metto peso da una parte/tolgo dall’altra).

Come funziona? La mia risposta è di parte, ma, obbiettiva. L’ho testato per mesi, con diversi interventi di messa a punto e ciò che ho riportato in questa recensione è frutto di essi. Mi piacerebbe dirvi “provatelo”, provatelo non considerando nulla di ciò che ho scritto…sono convinto della bontà di GC.

E’ un prodotto perfetto? La perfezione nello sviluppo non esiste, proprio per questo motivo con Technomousse si sta già lavorando ad una ulteriore versione, più leggera e più votata all’inclinazione race del e-bike…diciamo una versione WORLD SERIES.

Infine il prezzo: GC viene venduto al prezzo di € 85,00 a ruota.

Attualmente vi posso consigliare  dove trovarli in zona Brescia, più precisamente:

Se non siete della zona, o non volete acquistare online dai precedenti negozi, rivolgetevi a TECHNOMOUSSE, sapranno indirizzarvi al rivenditore più vicino.

Alla prossima!!!!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *